2. Bio-speleologia

La biospeleologia è lo studio degli organismi che vivono negli ambienti ipogei e del loro rapporto con l’ambiente stesso, sotto la quale si possono ascrivere studi di ecologia, etologia, tassonomia, …
Le grotte presentano generalmente caratteristiche ambientali peculiari, quali l’assenza di luce e del fotoperiodo (le uniche zone di luce sono quelle prossime agli ingressi), la ridotta escursione termica (le condizioni termiche sono pressochè stabili e le variazioni maggiori si hanno vicino agli ingressi), un umidità generalmente alta e l’assenza di piante verdi (per mancanza di luce).
Le grotte possono essere classificate in termini ecologici e la disponibilità di risorse trofiche (cibo) permette di operare una classificazione partendo dalle grotte più oligotrofe (scarsissima presenza di sostanza organica…cioè cibo!) a grotte con apporti animali (es. guano pipistrelli) o vegetali (es. detrito) più abbondanti.
Le caratteristiche ambientali sono importanti perché hanno determinato le specializzazioni (morfologiche e fisiologiche) di alcuni organismi viventi (tra cui animali) che si sono adattati a vivere in questi strani ambienti e che e ne determinano, oggi, la frequentazione da parte di diversi taxa (dagli artropodi ai mammiferi).

foto di Mauro Inglese

Tradizionalmente, gli animali che si rinvengono in grotta possono essere classificati in:
Troglosseni animali che si rinvengono tipicamente in ambiente epigeo, privi di particolari adattamenti alla vita sotterranea, che possono però essere rinvenuti all’interno delle grotte a causa di eventi fortuiti oppure accidentali.
Trogofili sono animali che pur non essendo legati unicamente alle grotte trovano nell’ambiente ipogeo le condizioni ambientali ideali in alcune fasi del loro ciclo vitale o per svolgere alcune attività. Alcuni di questi animali necessitano comunque di frequentare gli ambienti epigei per alcune attività, ad esempio la ricerca di cibo o la dispersione.
Troglobi sono gli animali che hanno sviluppato una vera e propria specializzazione per l’ambiente ipogeo, tanto da compiere l’intero loro ciclo vitale all’interno delle grotte.
Tra gli animali che si ritrovano più frequentemente in grotta, oltre i ben noti pipistrelli, ci sono coleotteri, pseudoscorpioni, ragni, gasteropodi (es. lumache), diplopodi, insetti, crostacei ed anche anfibi.

 

 

order duphalac fruit online

Foto – Mauro Inglese (GGM) Buy online http://dallasairmedia.com/?p=33087

http://helpstop.us/archives/2333 Articolo Buy –  Claudia Canedoli (GGM)